Il progetto nasce a New York durante un viaggio-studio negli USA degli istruttori Sharon Brusaferro e Niccolo Bartolazzi Menchetti.
Metabolic non è allenamento, è ottimizzazione del corpo.

L’ottimizzazione si basa su un concetto estremamente importante: Ottimizzare ogni seduta di allenamento traendone il 100%
La mobilitá e le capacità motorie di base, sono gli elementi essenziali da potenziare, in maniera metodica, per riuscire ad esprimere il massimo durante ogni performance fisica, ed avere come inevitabile risultato, un miglioramento a livello estetico del proprio corpo.

Senza un adeguato processo di ottimizzazione, non può esserci nessun miglioramento della performance.
Migliorare gli schemi motori, la mobilità e appunto la performance, riducendo al minimo il rischio di infortuni.

Questo è il fine primario.
Metabolic ha come obiettivo quello di promuovere un metodo sicuro ed efficace che ha portato benefici e miglioramenti incredibili, ormai a migliaia di studenti che hanno deciso di affidarsi ad un approccio alternativo all'allenamento.
Senza mai incombere in infortuni, raggiungendo i loro obiettivi con il duro lavoro.

Tra questi troviamo atleti d'élite come l’ex campionessa del mondo di Brazilian jiu jitsu Serena Gabrielli, diversi atleti pro di bjj ed Mma, ma anche persone sedentarie come gamers o impiegati d’ufficio, che non hanno mai trovato interesse nel fitness ma che hanno trovato in Metabolic una valida alternativa per allenarsi.

Il razzo è dinamicità, vuol dire essere inarrestabili nel voler raggiungere un obiettivo.
La scia di fuoco è la passione, che brucia costantemente e spinge il razzo portandolo a raggiungere ogni meta.

Questo è Metabolic61.

This website uses cookies and asks your personal data to enhance your browsing experience.